Istituto per la Storia della Resistenza e della Società contemporanea in provincia di Reggio Emilia
Calendario Eventi
MARZO 2017
LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM
27 28 1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31 1 2
La nostra rivista

Richiamati...alla memoria!
L'istituto è anche
Social network
La strage di Cervarolo (20 marzo 1944, 24 vittime), insieme a quella di Monchio, Susano e Costrignano (18 marzo, 136 vittime) è stata forse l'ultima a diventare oggetto di procedimento giudiziario, promosso dalla Procura Militare di La Spezia (Proc.Gen. Marco De Paolis) e conclusosi nel luglio 2011 con la condanna di alcuni dei responsabili già appartenenti alla Divisione Hermann Goering.
Il processo, svoltosi a Verona e durato oltre un anno, è stato seguito da Istoreco seduta per seduta con registrazione audio-video a cura di Nico Guidetti e Matthias Durchfeld. Tutto il materiale documentario è a disposizione presso l'Archivio "Cervarolo" depositato presso il Polo Archivistico del Comune di Reggio Emilia.
Intervengono:
Luigi Borgomaneri, storico, autore di "Li chiamavano terroristi. Storia dei Gap milanesi (1943-1945)", Unicopli 2015; Giglio Mazzi, partigiano dei GAP reggiani autore di "Non eravamo terroristi", Istituto Cervi, 2016; Conduce Mariachiara Conti, Istoreco, autrice del saggio "Guerra in pianura. I Gruppi di azione patriottica (gap) a Reggio Emilia" (RS-Ricerche Storiche n. 118).
Giovedì 6 aprile, ore 17.45 - Biblioteca "Ettore Borghi".
Sarà inaugurata alle 17.00 di sabato 25 marzo, nella sala civica accanto alla biblioteca, la mostra dal titolo “I soldati che dissero no. Storie di deportazione a Reggio Emilia dopo l’8 settembre 1943”. L’esposizione è realizzata da Istoreco assieme al Centro di documentazione per il lavoro forzato nazista di Berlino - Schoneweide e il Comune di Albinea l’ha inserita nelle iniziative che fanno parte della due giorni in cui si celebra il Fatto d’Armi di villa Rossi e villa Calvi.
Si tratta di storie di militari, di soldati che dopo l’armistizio dissero “No” al nazismo e a Mussolini, pagando il rifiuto con la deportazione in Germania, con la prigionia e, spesso, con la morte.
Il nostro Viaggio ha fatto ritorno da Berlino, ma non si è ancora concluso. Anzi, adesso è il momento della riflessione e della rielaborazione.
In che modo? Vi proponiamo due laboratori di elaborazione che partiranno in marzo.
La mostra, curata da Anna Steiner e progettata dallo studio Origoni-Steiner, propone una panoramica sul lavoro di quello che è riconosciuto come uno dei sodalizi professionali e personali più fecondi della grafica italiana. Viene presentata la produzione del loro Studio L.A.S. dai primi lavori del 1939 fino alla Liberazione e al viaggio in Messico (1946-1948), in una narrazione scandita dalle diverse sezioni – ricerca grafica e foto-grafica, editoria, pubblicità e allestimenti, marchi, presentazione di prodotto, manifesti e grafica di impegno civile, formazione professionale – per arrivare infine a toccare anche l’attività di Lica, dal 1974, anno in cui muore Albe, alla sua scomparsa, nel 2008. Eventi correlati in collaborazione con Istoreco.
martedì 07 marzo 2017
Nuovi orari Biblioteca Ettore Borghi
Avvisiamo gli utenti che dal mese di marzo 2017 sono entrati in vigore i nuovi orari di accesso al pubblico della Biblioteca di Istoreco “Ettore Borghi”. Rimangono invariate le modalità di contatto con la biblioteca per rinnovi o richieste di informazioni.
Viaggio nella Berlino moderna delle architetture hightech e tra le collezioni dei suoi celebri musei con opere di Picasso, Paul Klee e dell’espressionismo tedesco del Gruppo Brücke (“Il Ponte”). Berlino Est, Museo Ebraico, Kulturforum, Sony Center, Museo Brücke, Kunsthaus Dahlem, Castello di Charlottenburg.
In collaborazione con il CRAL Reggio Emilia. Iscrizioni entro il 15 marzo.
 
Con un Viaggio della Memoria si crea l'occasione formativa e piacevole di affrontare la Storia contemporanea nelle sue pagine legate alla guerra, alla deportazione e alle varie forme della Resistenza. Per vedere con i propri occhi gli orrori compiuti dalle dittature e per capire come sono nate le democrazie europee. Iscrizioni entro il 15 aprile.
Andiamo a visitare questa incredibile regione, piena di contraddizioni, di sogni e di violenze, ma anche di storia e di storia nostra. Vedremo alcune tracce reggiane come l’arredo della sinagoga di Reggio Emilia salvato e portato ad Haifa nel dopoguerra. Incontreremo italiani abitanti di Tel Aviv e Gerusalemme che ci faranno conoscere le due città. Dedicheremo una giornata intera alla visita di Yad Vashem, il Memoriale delle vittime della Shoah e dei Giusti fra la Nazioni. Ascolteremo sopravvissuti che ci racconteranno la loro storia tra Italia e Israele. Iscrizioni entro il 12 aprile.
Quasi 1.200 persone arrivate a conoscere la mostra, e un rinnovato interesse per un tema spesso “nascosto”, quello dei deportati militari italiani in Germania.
Sono stati ben 1153 i visitatori che hanno ripercorso le storie e la Storia de “I soldati che dissero No, storie di deportazione a Reggio Emilia dopo l’8 settembre 1943”. Visto il successo la mostra farà tappa anche ad Albinea nel mese di marzo e dal 22 aprile al 7 maggio a Correggio.
Il Gruppo promotore dell’Archivio Storico Movimenti di Reggio Emilia vi invita a partecipare ad un incontro conoscitivo, aperto a tutti gli interessati che hanno voglia di collaborare a questa nuova iniziativa. Cerchiamo persone interessate ad entrare nel gruppo di gestione o anche solo disponibili, nei modi da concordare assieme (donazione, comodato, …), a farci avere materiali di quegli anni.
Anche nel 2017 Istoreco organizza due edizioni dei Sentieri Partigiani. Ad entrambi gli eventi potranno partecipare un massimo di 100 persone.
Conclusa l'iscrizione ai Sentieri Partigiani in settembre 2017.
Tutti i posti sono esauriti.

L'Assemblea legislativa dell'Emilia-Romagna ha stipulato una convenzione con gli Istituti storici dell'Emilia Romagna per favorire la diffusione nelle scuole di ogni ordine e grado dei viaggi della memoria progettati sulla storia della seconda guerra mondiale con particolare riferimento alla deportazione. Per accedere ai finanziamenti gli istituti, le scuole e le associazioni che intendono partecipare dovranno presentare un progetto all'Istituto di riferimento sul proprio territorio provinciale.

In occasione del Settantesimo Anniversario della Resistenza e della Seconda Guerra Mondiale, gli Istituti Storici dell'Emilia Romagna hanno realizzato una collana di app, applicazioni informatiche multimediali scaricabili su differenti supporti (smartphone, tablet, pc), contenenti percorsi dei nove capoluoghi di provincia su tematiche che hanno riguardato ciascuna città. La Resistenza, con i luoghi simbolo dell'attività partigiana e La Repressione - i sacrari dei caduti per mano nazifascista. E ancora La Vita Quotidiana, i bombardamenti con la distruzione delle costruzioni civili e artistiche e la costrizione dentro i rifugi antiaerei. Infine le Persecuzioni, perpetrate nei confronti delle minoranze e delle comunità ebraiche.

E' possibile devolvere il 5x1000 all'Istituto: qui tutte le istruzioni utili.

Gli uffici sono aperti dal lunedì al venerdì mattina dalle 08.30 alle 13.00;
martedì e giovedì anche il pomeriggio dalle 15.00 alle 18.00.

Istoreco è in via Dante, 11 - 42121 Reggio Emilia
Tel. : 0522 437327 - 442333 - Fax. : 0522 442668 - Email: staff@istoreco.re.it
C.F. 80011330356

A cura della redazione web di Istoreco

Istoreco - Sito web dell'Istituto per la Storia della Resistenza e della società contemporanea
Copyright by Istoreco